Organizzare il giardino: una piccola guida per neofiti

126

Un giardino verde e curato è un ottimo biglietto di presentazione per la propria villetta residenziale, per la propria casa di campagna. Se occuparsi della sua manutenzione è importante, però, ancora più importante è, a monte, organizzare il giardino in modo che sia esteticamente bello, sì, almeno quanto funzionale. Qui di seguito proveremo a scoprire come fare.

Dalla scelta delle piante all’arredamento: come organizzare il giardino

La progettazione del giardino, sia che la si faccia in autonomia e sia che ci si affidi invece a un professionista, dovrebbe partire innanzitutto dall’analisi del contesto in cui ci si trova: una schiera di villette in un quartiere residenziale, infatti, offre possibilità di gestire gli spazi verdi naturalmente diverse da quelle di una casa completamente immersa nella campagna. Basti pensare che, da un caso all’altro, cambiano anche e soprattutto piante, arbusti, fiori da piantare in giardino e che organizzare un giardino in città può richiedere di ottimizzare gli spazi, soprattutto se lo si vuole rendere multifunzione.

L’altro aspetto cruciale nell’ideazione di un giardino, infatti, è proprio questo: chiedersi a cosa servirà. Ad allenare il proprio pollice verde? A rendere più fresca e ombreggiata la casa? Come spazio verde da utilizzare per il relax, per prendere il sole o per organizzare serate con gli amici per esempio? Ciascuna di queste ipotesi richiede che il giardino sia strutturato diversamente. Gli amanti del giardinaggio, per esempio, potrebbero voler ricavare in giardino una zona riservata agli esperimenti con le piante o, perché no, una piccola serra. Molto più frequente è che un angolo del giardino si trasformi in un piccolo orto a produzione domestica o sia riservato agli alberi da frutta. Ancora, zone barbecue e zone relax o zone solarium sono must per i giardini in città soprattutto e quando si vogliano sfruttare gli spazi aperti della casa per i momenti di convivialità. Naturalmente non è detto che un giardino non possa essere tutte queste cose insieme, ma in questo caso è ancora più importante organizzare al meglio gli spazi a propria disposizione e possibilmente separarli, in modo da non creare confusione e da migliorare la fruizione del giardino stesso. Andrebbe tenuto conto, del resto, che ci sono piante e alberi più adatti a produrre ombra, per esempio, e ideali quindi per la zona relax del proprio giardino, e piante e arbusti, invece, che sono per lo più ornamentali e da destinare preferibilmente alle zone che affacciano sulla strada per esempio.

Chi sia alle prime armi, comunque, potrebbe rivolgersi a professionisti come quelli di centroverderovigo per organizzare il giardino in maniera efficiente. La prima volta che si è alle prese con la cura del verde domestico è legittimo, infatti, avere (più di) qualche dubbio. Si potrebbe non aver chiaro, per esempio, quali siano i tempi di semina, di potatura, di travaso delle piante. Così come ci si potrebbe dimenticare che, oltre che riempito di verde, il giardino va attrezzato di sistemi per l’irrigazione, per esempio, o di un piccolo capanno per conservare gli attrezzi in tutta sicurezza e senza rischiare sgradevoli incidenti. A chiarire dubbi come queste aiuta l’occhio clinico di un esperto.

SHARE