Ristrutturare casa: che cosa bisogna fare

26

Se hai intenzione di avviare opere di ristrutturazione di casa, ci sono delle procedure che devi seguire. Se non segui la procedura, potresti avere problemi come la mancata abitabilità dell’immobile appena ristrutturato.

Dunque una velocissima guida che ti spiega che cosa devi fare per essere in regola quando ristrutturi un’abitazione.

Richiedere permessi in comune

Per iniziare la tua ristrutturazione, devi chiedere il permesso il comune dove la casa si trova, indipendentemente dal tuo comune di residenza. Queste operazioni puoi farle in autonomia, ma molti preferiscono rivolgersi a un geometra, ingegnere o addirittura un architetto che sa come muoversi in questo ambiente.

Per ottenere il permesso, devi sempre presentare il progetto completo della ristrutturazione edilizia che hai intenzione di avviare. Se non richiedi il permesso, tutto ciò che costruisci sarà abusivo.

Incaricare un’impresa

Tieni presente che alcuni lavori di maturazione di casa può svolgere tu in autonomia così riesci anche a risparmiare un po’ sulla spesa finale. è però obbligatorio rivolgersi a un’impresa in regola per modificare gli impianti elettrici, termosanitari, idraulici e del gas.

L’impresa, o anche l’artigiano, che si occupa di questi lavori dovrà essere in regola per poterti rilasciare la famosa e indispensabile dichiarazione di conformità degli impianti. Si tratta di un documento che certifica il pieno rispetto delle disposizioni di legge dell’impianto stesso.

Rimuovere l’amianto

Quando inizi a ristrutturare una abitazione realizzata io periodo antecedente agli anni 90, potrebbe essere comune trovare delle parti che contengono amianto. Se ti dovesse capitare fermati immediatamente non demolire da solo le parti in amianto.

Quando si ritrovano dei prodotti che contengono le pericolose fibre cancerogene di asbesto, bisogna rivolgersi alla rimozione amianto a Napoli che mettere in atto di dovuti protocolli per realizzare il rischio. In base alla situazione e al tipo di amianto ritrovato, si procederà con un protocollo di confino, di rimozione amianto a Napoli oppure di incasplusamento.

L’amianto ritrovato deve essere conferito presso i centri abilitati al trattamento dei rifiuti pericolosi e tossici.

SHARE