3 sistemi per attaccare i topi e i ratti

63

Ci sono oggi sul mercato diverse modalità di disinfestazione e derattizzazione Roma da usare per poter eliminare il problema.

La terra di diatomee

Questo rimedio è una soluzione che rispetta l’ambiente perché è di origine naturale significa che non ha prodotti chimici che possono risultare tossici. È una delle soluzioni migliori che si possono adottare per tenere lontani i topi da casa senza creare problemi a bambini o anche eventuali animali domestici. La terra di diatomee, o anche farina fossile, va stesa lungo i muri perimetrali dell’abitazione, dentro e fuori, ma anche sotto i mobili. La sua efficacie però potrebbe non essere molta se l’infestazione è già a uno stato avanzato.

Il boccone avvelenato

Uno dei metodi che vien utilizzato moltissimo per eliminare i topi sono i bocconi avvelenati. Le esche di cibo vengono rese tossisce grazie all’aggiunta di un veleno. È un sistema abbastanza valida che torna utile per eliminare un topo alla volta. Possono però esserci dei problemi: non va usato in presenza di animali domestici, cani soprattutto. Inoltre, il boccone agisce su un solo esemplare alla volta, lasciando pressoché illesa la colonia dove risiedono al maggior parte degli esemplari. Il boccone avvelenato è un metodo che può esser predisposto anche a casa senza l’intervento degli esperti ma si deve fare moltissima attenzione perché maneggiare veleni e sostanze tossiche presenta sempre un certo pericolo.

Le trappole

Un sistema che viene usato molto per la disinfestazione e derattizzazione Roma è la trappola. Ci sono diverse trappole per i topi che si trovano comodamente anche nei maggiori negozi di fai da te perciò utilizzabili da soli senza intervento di esperti. Attenzione a quale esca scegliere; molti pensano che i topi amino il formaggio ma sarebbe meglio usare della frutta come un pezzetto di mela. Nel tentativo di prendere l’esca, il topo dovrebbe restare incastrato nella trappola. Il ratto dopo può essere liberato in una zona più consona oppure portato a chi di dovere per certe analisi sulla proliferazione di questi mammiferi onnivori.

SHARE