Cimici dei letti: cosa sono e come si riconoscono

    154

    Spesso capita che le disinfestazioni a Roma riguardino le cimici dei letti, insetti difficile da riconoscere perciò abbiamo pensato di dare qualche informazione in più che potesse essere utile.

    Cosa sono le Cimici dei letti

    Le Cimici dei letti sono degli insetti parassitari molto fastidiosi insidiosi difficile da riconoscere. Prendono questo nome perché sono solite infestare la zona del letto. Spesso si nascondono lungo la cucitura del materasso e degli imbottiti. Spesso, Infestano anche parti realizzate in legno come può essere la tastiera del letto, il comodino e anche l’armadio.

    Sono insetti di piccolissime dimensioni, difficile da vedere a occhio nudo. I più grandi arrivano al massimo a mezzo centimetro di grandezza.

    Come riconoscere le Cimici dei letti

    Purtroppo, le cimici dei letti sono degli insetti particolarmente difficile da riconoscere. Questo è il motivo principale per cui anche una piccola infestazione iniziale con il passare del tempo diventa incontrollata. La difficoltà sta nel fatto che le cimici dei letti delle punture che assomigliano molto a quelle delle zanzare. Infatti, capita che una puntura della cimice dei letti venga scambiata per quella di una classica zanzara tigre senza quindi preoccuparsi più di tanto.

    Esistono però alcune attenzioni da avere per poter riconoscere le Cimici dei letti. Di solito, le punture appaiono al mattino perché questi insetti pungono solo ed esclusivamente durante la notte quando si dorme. Tante volte le punture sono situate sulle parti scoperte del corpo come braccia e gambe. La particolarità delle punture delle le Cimici dei letti è che sono più di una e spesso seguono una linea retta. Chi dovesse notare questi segnali, deve correre il prima possibile ai ripari con adeguati protocolli di disinfestazioni a Roma.

    Cosa fare contro le Cimici dei letti

    Purtroppo, è piuttosto facile dare il via a un’infestazione di cimici dei letti trasportandole da fuori all’interno di casa. Questi infimi insetti sfruttano valigie, zaini, borse ma anche mobili come vettore perciò bisogna fare particolarmente attenzione quando si frequentano strutture ricettive e anche mezzi di trasporto pubblico.

    SHARE